Post più Popolari

Ultimi Post Pubblicati

Le seguenti informazioni sono a beneficio dei lettori che possono scegliere di navigare le pagine del sito, di prendere delle precauzioni pe...

Le seguenti informazioni sono a beneficio dei lettori che possono scegliere di navigare le pagine del sito, di prendere delle precauzioni per consultarne i contenuti o di lasciarlo. Le disposizioni del Garante della Privacy che fanno seguito a una Direttiva Europea e il successivo regolamento GDPR, acronimo di General Data Protection Regulation, emanato dalla Unione Europea il 27 Aprile del 2016, impongono agli amministratori di un sito web una serie di regole per avere il consenso dei lettori al trattamento dei loro dati.

Per facilitare la consultazione da parte dei lettori di tutte le informazioni, è stato creato un indice per giungere più rapidamente al punto che interessa. Per tornare all'indice basterà andare sulla freccia sinistra del browser.

gdpr-post-1170x611

INDICE GENERALE DELLA POLITICA DELLA PRIVACY DEL SITO

RESPONSABILE DEL SITO IDEE PER COMPUTER ED INTERNET.

L'amministratore di questo sito è Fausto Baccino che può essere contattato a questo indirizzo email patagoniaforver@mail.com per qualsiasi problema inerente alla privacy del lettore. In linea di massima questo sito non detiene nessun dato personale dei lettori a meno che non interagiscano inviando messaggi con il modulo di contatto o che si registrino alla newsletter. Chi lo avesse fatto può recedere direttamente o chiedere al proprietario del sito se non ci riuscisse.

COSA SONO I COOKIE E A COSA SERVONO

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva. Possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito, senza digitare ogni volta nome e password, e per memorizzare le sue preferenze.

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.

I cookie sono detti tecnici se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito.

COOKIE DI PROFILAZIONE.

I cookie vengono definiti di profilazione se utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente,per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Se vi è capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet, la ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server, indirizzati opportunamente dai cookie, vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consensoe dopo essere stato informato in modo semplificato.

BANNER DELLA INFORMATIVA BREVE.

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web, deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa,come quella in questa pagina, su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito.

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click. Deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente, in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito. Invece nella informativa estesa (questa stessa pagina), si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente, le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.

COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO.

In questo sito vengono utilizzati i seguenti cookie:

1) Cookie propri del sito - www.ideepercomputeredinternet.com usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall'utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in base al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che il browser invia. La piattaforma Blogger utilizza altri cookie che ricadono nella trattazione più ampia dei cookie di Google.

2) Cookie di Google Adsense - Per migliorare l'esperienza utente e offrire annunci più pertinenti, Adsense, la piattaforma pubblicitaria di Google utilizza dei cookie con diverse tipologie che l'utente potrà o meno accettare, configurando le impostazioni del proprio account Google. Maggiori informazioni si possono trovare nella pagina di Google. La possibilità di disattivazione degli annunci personalizzati sarà illustrata nella sezione più sotto su Pubblicità e personalizzazione degli annunci.

3) Cookie di Facebook - Questo sito ha implementato dei plugin di Facebook che permettono al social network di avere informazioni sui navigatori. Maggiori info si trovano nella pagina dei cookie di Facebook.

4) Cookie di Google+ - Lo script plusone.js di Google+può trattare i dati personali secondo le linee guida della Privacy Policy comune a tutti i servizi di Google.

5) Twitter - anche Twitter può trattare i dati personali secondo le linee guida della sua Privacy Policy

6) Pinterest - anche Pinterest può trattare i dati personali secondo le linee guida della sua Privacy policy

7) Linkedin - anche Linkedin può trattare i dati personali secondo le linee guida della suaCookie Policy

8) Instagram - anche Instagram può trattare i dati personali secondo le linee guida della sua Cookie Policy.

GOOGLE ANALYTICS E ANONIMIZZAZIONE DEI DATI

Questo sito utilizza Google Analytics e i suoi cookie che sono considerati tecnici se utilizzati solo a fini di ottimizzazione e se gli IP degli utenti sono mantenuti anonimi. Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Gli IP di Google Analytics sono stati anonimizzati.  Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo le linee guida degli altri servizi.

Nella proprietà di GA relativa a questo sito è stata impostata una durata di 14 mesi per il mantenimento della archiviazione dei dati, che comunque sono stati anonimizzati e aggregati ai soli fini statistici. Google Analytics può essere disattivata con un componente aggiuntivodisponibile per Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari e Opera. Viene disattivato lo script che rileva le visite.

CANCELLAZIONE DEI COOKIE

I browser permettono una cancellazione dei cookie generalizzata, o specifica per ogni dominio che sia stato visitato non in modalità riservata. Si può seguire questa guida per cancellare i cookie dai vari browser.

NAVIGAZIONE ANONIMA

Tutti i browser consentono la Navigazione Anonima o In Incognito o in Private Browsing.

  1. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Firefox, in inglese.

  2. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome, in inglese

  3. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Internet Explorer, in inglese

  4. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Safari , in inglese

  5. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Opera, in inglese.

COSA È IL GDPR.

Il 25 Maggio 2018 entra in vigore il GDPR, acronimo di General Data Protection Regulation, emanato dalla Unione Europea il 27 Aprile del 2016 e valido per tutti i soggetti dell'Unione o che operano nella UE senza bisogna di alcuna ratifica da parte dei singoli stati.

Il GDPR è uno strumento legislativo che serve per uniformare la normativa privacy a livello europeo e sostituisce il decreto legislativo 196/2003. I soggetti tenuti ad adeguarsi sono i seguenti:

  1. Aziende e organizzazioni con base operativa in uno stato della UE

  2. Aziende e organizzazioni che operano in paese terzo ma che hanno clienti della UE.

L'obiettivo è quello di accrescere il livello di fiducia degli europei nei confronti di tutti i soggetti, privati o pubblici, che lavorano quotidianamente con le loro informazioni personali, sensibili o riservate. Le eventuali multe ai trasgressori per la non conformità al GDPR non saranno immediate. Si inizierà con un avvertimento, poi con un rimprovero, quindi con una sospensione dell'elaborazione dei dati, e in caso di violazione continuata della norma, solo allora potrebbero arrivare le multe.

Il primo obbligo è quello di dotarsi di una Privacy Policy, ovvero di un documento che illustra in che modo vengono trattati i dati privati. Queste informazioni devono essere aggiornate e contenere:

  1. la finalità del trattamento dei dati

  2. la modalità di questo trattamento

  3. i soggetti di terze parti che archiviano, controllano e usano questi dati tramite applicazioni o tecnologie installate nei siti come possono essere Google, Facebook e altri player del settore

  4. i diritti del navigatore

  5. Le generalità del titolare del trattamento dei dati ovvero l'amministratore del sito.

Ci deve essere una base giuridica per il trattamento dei dati personali e la presenza di un consenso dato dall'utente a una o più finalità di questo trattamento dei dati.

PRIVACY DI GOOGLE E DI FACEBOOK.

Google è il più grande player internet con Facebook e insieme sono i maggiori depositari del trattamento dei dati degli utenti che visitano i vari siti. Google ha pubblicato una guida molte estesa e dettagliata sulla sua Policy Privacy e una sua versione aggiornata in funzione del GDPR. La gestione della nostra privacy si effettua principalmente accedendo al nostroaccount personale su Google. Segnatamente nella sezione Privacy, possiamo controllare quello che Google conosce sul nostro conto e il registro delle nostre attività.

In Gestione Attività possiamo scegliere le attività che possono essere salvate nel nostro account Google. Può essere salvata o meno la Cronologia della navigazione su Chrome e sui siti e le app che ne utilizzano servizi. Si clicca su 1) Gestisci Cronologia per prendere visione dell'attività su Chrome, Android o altro dispositivo. Si clicca su Cambia impostazione e si sposta il cursore per impedire a Google di tenere nota della nostra attività.

Visualizzando l'area de 2) La mia attività si può visualizzare l'attività recente e eventualmente eliminarla. Ci sono dei cursori o controlli On/Off per gestire la cronologia delle posizioni, le attività web e app, la cronologia delle ricerche YouTube e altro ancora, su tutti i dispositivi su cui ci siamo loggati con il nostro account.

In questo contesto è particolarmente rilevante il Controllo della Privacy. Si va su Inizia ora per personalizzare la nostra esperienza su Google. La prima schermata riguarda le Attività Web e App e si visualizzerà l'informazione se questa impostazione sia attiva o meno. Google memorizza le ricerche e altre attività svolte da loggati. Memorizza pure attività quali le app che si utilizzano, la cronologia di Chrome e i siti visitati sul Web. Questa impostazione consente a Google di dare più velocemente i risultati completando automaticamente le ricerche, nonché di offrire esperienze più efficienti in Maps, nell'assistente e in altri servizi Google.

Si possono avere informazioni più dettagliate dalla pagina di istruzioni sulla Attività di ricerca. Per modificare le impostazioni si clicca su Gestisci l'attività Web e App -> Cambia impostazione.

Le norme seguite da Facebook in relazione alla tutela della privacy sono sintetizzate nella pagina dedicata a GDPR. I principi a cui si ispira Facebook sono quelli di trasparenza, controllo e affidabilità.

PUBBLICITÀ E PERSONALIZZAZIONE DEGLI ANNUNCI ADSENSE

In questo sito vengono mostrati gli annunci della piattaforma Google Adsense. Con questa piattaforma si possono gestire o disattivare gli annunci con lo strumento Impostazioni Annunci e Disattiva Annunci. Si apre la pagina Personalizzazione degli annunci, per controllare le informazioni utilizzate da Google per mostrarciannunci più pertinenti quando si naviga per esempio sulla Ricerca Google o su Youtube. Possiamo mettere o meno la spunta su Utilizza anche i dati e l'attività dell'account Google, per personalizzare gli annuncinei siti web e nelle app che lavorano come collaboratori esterni di Google.

Più in basso ci viene mostrato un elenco degli argomenti che ci potrebbero interessare. Se ne troviamo qualcuno che invece non incontra i nostri gusti, clicchiamo sulla crocetta per inserirlo nella sezione Argomenti che non interessano. Ancora più in basso, viene mostrato il nostro profilo, ovvero sesso e fascia di età. Si possono visualizzare annunci personalizzatisecondo le nostre preferenze anche quando non siamo loggati con Google, con un apposito plugin per Chrome, per Firefox e per Internet Explorer.

Google è solo una delle più di 100 reti pubblicitarie  che mostrano annunci personalizzati. Si può disattivare la personalizzazione degli annunci  di Google o di qualsiasi altra rete pubblicitaria nella pagina Le tue scelte. Si possono attivare gli annunci personalizzati per tutte le società oppure farlo singolarmente con i controlli On/Off. Nei prossimi mesi Google renderà più semplici e comprensibili queste opzioni e, a partire dal 25 Maggio 2018, entrerà in vigore una nuova Politica di consenso degli utenti appartenenti alla UE.

COMMENTI SUL SITO.

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta. Verrà inserito sopra al modulo dei commenti un link che riporta a questa sezione della Policy Privacy.

Gli utenti possono eliminare i commenti che hanno inserito. Per una eliminazione definitiva possono rivolgersi all'amministratore del sito. Gli estremi dell'account saranno memorizzati per facilitare commenti successivi.

MODULO DI CONTATTO.

Chi apre la pagina del modulo di contatto per scrivere un commento, salverà nel proprio browser username, indirizzo email e indirizzo del proprio sito web di riferimento. Questo serve per compilare automaticamente il modulo nelle occasioni successive. Per gestire i contatti con i lettori, utilizzo il servizio 123ContactForm.

I lettori che apriranno la pagina del form, potranno consultare la pagina della Privacy di 123ContactForm. I dati di chi invia messaggi, vengono conservati nel mio account su tale servizio. A richiesta di chi ha inviato il messaggio, posso cancellarne tutti i dati che riguardano nome utente, indirizzo email, URL del sito e corpo del messaggio.

NEWSLETTER.

I lettori di questo sito possono iscriversi alla Newsletter inserendo il loro indirizzo emailnell'apposito modulo inserito nel footer del sito. L'indirizzo di posta elettronica rimarrà nei server di Feedburner di Google.

I lettori potranno verificare il proprio indirizzo email e potranno cancellarsi dalla newsletter in qualunque momento cliccando sul bottone Unsubscribe presente in calce alla email della newsletter. Nel testo della verifica della sottoscrizione, i lettori verranno informati che la loro email finirà nell'elenco della mailing-list della newsletter. Se un lettore non riuscisse a cancellarsi può rivolgersi all'amministratore del sito che lo farà d'ufficio.

fonte: IpCeI

La ragazza del lago è un film di genere drammatico, thriller del 2007, diretto da Andrea Molaioli, con Toni Servillo e Valeria Golino. Una g...

La ragazza del lago è un film di genere drammatico, thriller del 2007, diretto da Andrea Molaioli, con Toni Servillo e Valeria Golino.

Una giovane donna, annegata in un lago della provincia friuliana, viene rinvenuta nuda lungo la sponda. Sulla morte misteriosa di Anna, studentessa e giocatrice di hockey, indaga il commissario Giovanni Sanzio, padre ruvido e introverso di Francesca. Affetto da una dermatite atipica e dimenticato dalla consorte che soffre di una malattia degenerativa del sistema nervoso, Sanzio ricerca con passione metodica le ragioni pubbliche del delitto e quelle private della vita. Procedendo in un'indagine investigativa ed esistenziale scoverà l'assassino e il principio dell'ordine nel perverso sconvolgimento dell'omicidio.

È stato già detto ma è bene ripeterlo. Esiste il cinema mistificatorio di fiction e il cinema della realtà, non necessariamente nelle forme del realismo. L'opera prima di Andrea Molaioli appartiene alla seconda categoria, che annovera già adepti illuminati e illuminanti: Marra, Garrone, Sorrentino, Gaglianone. È evidente che i due approcci non si possono accomunare: il primo è intrattenimento, il secondo è riflessione critica, è cinema che anticipa criticando l'esistenza.
Tratto dal romanzo della norvegese Karin Fossum e sceneggiato dal questa volta "scompagnato" Petraglia, il film di Molaioli mutua i fiordi nei laghi della Carnia proponendo nella forma del giallo tematiche solitamente scartate dalla fiction consolatoria. Sopra un cinema che promuove frammenti di felicità senza prezzo, La ragazza del lago si impone e fa la differenza. Cimentandosi col cinema di genere, il regista romano gira un film sull'Italia di oggi, sulla provincia omologata tanto a nord quanto a sud. Nel Friuli rinato dalle macerie dei terremoti di crollo, tipici dei terreni carsici, restano sepolti i tanti personaggi, ugualmente colpevoli e ugualmente innocenti, personaggi che hanno una qualche mancanza, a cui è accaduto qualcosa che impedisce loro di essere pienamente. I loro disagi non sono quelli della classe media-borghese (adulterio, crisi di mezza età, ambizioni economiche), perché a Molaioli non interessa l'approccio sociologico o statistico alle cose.
Il regista lavora "in togliere", eliminando i dati di cronaca e tutto quello che avrebbe reso scabrosa la vicenda. Alla fine rimane la storia di un dolore insopportabile, formalizzato nelle convenzioni narrative e stilistiche del genere. Più il film si avvicina alle dinamiche profonde ed eterne dei rapporti umani, più riesce a fissare lo sfondo, la copertura, il dato quotidiano. La ragazza del lago rivela inoltre un lavoro di conoscenza e preparazione svolto a stretto contatto con gli attori. Su tutti le interpretazioni senza isteria di Toni Servillo, in grado di misurarsi con tutti i generi, le maschere e i registri, e Fabrizio Gifuni, troppo spesso confinato in ruoli indegni del suo talento, che possiede la raffinatezza della semplicità assoluta

Interpreti e personaggi
Toni Servillo: Giovanni Sanzio
Valeria Golino: Chiara Canali
Fabrizio Gifuni: Corrado Canali
Anna Bonaiuto: moglie di Sanzio
Omero Antonutti: padre di Mario
Marco Baliani: Davide Nadal
Denis Fasolo: Roberto
Sara D'Amario: Dottoressa Giani
Franco Ravera: Mario
Giulia Michelini: Francesca
Nello Mascia: Alfredo
Fausto Maria Sciarappa: ispettore Lorenzo Siboldi
Daniele Griggio: medico legale
Heidi Caldart: Silvia Nadal
Alessia Piovan: Anna Nadal
Nicole Perrone: Marta

Il Commisario Wallander, tratta dagli straordinari romanzi dello scrittore svedese Henning Mankell che hanno venduto oltre 25 milioni di cop...

Il Commisario Wallander, tratta dagli straordinari romanzi dello scrittore svedese Henning Mankell che hanno venduto oltre 25 milioni di copie in tutto il mondo, e interpretata da Kenneth Branagh.

La serie, prodotta dalla BBC  racconta le vicende e i casi che Kurt Wallander, commissario di polizia della cittadina scandinava di Ystad si trova a dover affrontare. I romanzi da cui è stata creata la serie Wallander sono stati scritti dal compianto romanziere svedese Henning Mankell , morto nel 2015

E Kurt Wallander, personaggio nato dalla penna di Henning Menkell èreso particolarmente intenso dalla interpretazione di Kenneth Branagh, l'attore inglese che proprio in Italia ha ricevuto il Premio alla Carriera.

wallander-branagh-1

Il commissario Wallander interpretato da Branagh per il piccolo schermo è dotato di tutta l'umanità  di un personaggio divorato dal male che lo circonda. Un ruolo complesso da interpretare anche perchè, come ammesso dallo stesso Branagh "la cosa più difficile è stata calarmi in un personaggio di cui ero già  accanito lettore".

Dalla carta alla pellicola, il personaggio di Kurt Wallander si rinnova senza snaturarsi, parola dello scrittore Mankell:

cita-muro-di-fuoco-Scrolled_Paper_and_Quill_Pen_PNG_Picture (1)

Muro di Fuoco (Firewall).

Che cosa lega l’omicidio della diciottenne Sonia, rea confessa dell’assassinio di un tassista, alla morte improvvisa del signor Falk?

Muro di fuoco è il secondo di sei appuntamenti con questo personaggio creato dalla penna dello scrittore svedese Henning Mankell e interpretato da uno dei maggiori attori britannici contemporanei, Kenneth Branagh, che per il suo lavoro in questa serie si è guadagnato il premio come migliore attore al 35o Broadcasting Press Guild Television and Radio Awards nel 2009.

Il commissario Wallander deve affrontare una nuova dimensione del crimine, un complotto internazionale che opera attraverso la rete informatica. Un romanzo che mette in luce l'inquietante vulnerabilità di una società apparentemente sempre più efficiente, ma proprio per questo sempre più in balia delle forze del sabotaggio e del terrore.

muro_di_fuoco-film

PERSONAGGI.

Kurt Wallander.


Kurt Wallander è commissario di polizia a Ystad. È quello che lavora più a lungo e ha più esperienza tra tutti i colleghi. Nella sua professione, Wallander si distingue per la solida morale e l’infallibile intuito. È convinto che l’efficienza della polizia sia fondamentale per uno stato di diritto funzionante, che a sua volta è uno dei presupposti della democrazia. La dedizione per il lavoro che caratterizza Wallander influenza la sua vita privata. Gli amici veri si contano sulle dita di una mano e il suo mestiere è uno dei principali motivi del naufragio del matrimonio con Mona, ma anche Linda è spesso irritata dal fatto che il padre anteponga costantemente il lavoro a tutto il resto. Quando non lavora, Wallander si dedica a una delle sue grandi passioni, l’opera. Kurt Wallander ha un rapporto complicato con l’alcol, il fast food e le donne.

Linda Wallander.

Linda Caroline Wallander è la figlia di Kurt e Mona. Alla sua nascita, all’inizio degli anni settanta, i suoi genitori stanno insieme da un paio d’anni. Quando Linda ne compie tre la famiglia si trasferisce a Ystad, dove Kurt ha trovato lavoro. Per molto tempo la bambina è l’unica cosa che tenga insieme la coppia, ma dopo la separazione Linda rimane nell’appartamento di Mariagatan insieme a Kurt, mentre Mona si ritrasferisce a Malmö. Linda tenta il suicidio due volte; è la persona più vicina a Kurt, anche se hanno un rapporto complicato. Quando si vedono stanno spesso alzati a parlare fino a notte fonda. Dopo essersi cimentata in diversi mestieri (da cameriera ad attrice), Linda decide di entrare in polizia. Completata la formazione in accademia, a Stoccolma, in Prima del gelo viene assegnata alla centrale di Ystad. È l’11 settembre 2001 e Linda vede in televisione due aerei schiantarsi contro il World Trade Center.

Il padre di Wallander.

Il padre di Wallander abita a Löderup in una tipica cascina scanese. I due hanno un rapporto molto complesso. Il padre non ha mai accettato la scelta professionale di Wallander e si rifiuta ostinatamente di andare a trovare il figlio al lavoro. Si mantiene dipingendo, ma nel suo repertorio ricorre un solo motivo: un sole che non tramonta mai su un paesaggio boscoso, con o senza un gallo cedrone. A Wallander capita spesso di imbattersi nei quadri del padre a casa di testimoni o presunti colpevoli in giro per la Scania. I due hanno un rapporto molto complesso.


Wallander è una serie televisiva svedese di genere poliziesco ideata dallo scrittore Henning Mankell, ed incentrata sul personaggio di Kurt ...

Prima stagione
13
2005-2006
2008-2010

Seconda stagione
13
2009-2010
2014-2015

Terza stagione
6
2013

Il Commisario Wallander, tratta dagli straordinari romanzi dello scrittore svedese Henning Mankell che hanno venduto oltre 25 milioni di cop...

wallander-1

Il commissario Wallander interpretato da Branagh per il piccolo schermo è dotato di tutta l'umanità  di un personaggio divorato dal male che lo circonda. Un ruolo complesso da interpretare anche perchè, come ammesso dallo stesso Branagh "la cosa più difficile è stata calarmi in un personaggio di cui ero già  accanito lettore".

Dalla carta alla pellicola, il personaggio di Kurt Wallander si rinnova senza snaturarsi, parola dello scrittore Mankell:

la-falsa-pista-film-Scrolled_and_Quill_Pen_PNG_Image

La Falsa Pista.

Durante il campionato mondiale di calcio, all'inizio dell'estate, un sadico serial killer si accanisce su alcuni uomini anziani e di successo, uccidendoli e prelevando loro lo scalpo con un'ascia.

Poco dopo, l'inquietante omicidio di un ministro dà origine a una serie di delitti che, messi a segno a colpi d'ascia, falciano alcuni uomini molto in vista.

Nel mentre il commissario Kurt Wallander è alle prese con uno strano caso di una ragazza che inspiegabilmente si toglie la vita dandosi fuoco in un campo di colza.

Indagando sulle due vicende, apparentemente prive di collegamento logico, Wallander giunge a scoprire un legame sinistro al racket della prostituzione ed alla tratta delle bianche.

la-falsa-pista

Il Commissario Wallander.(BBC 2008).1x01.La falsa pista.HDTVMux.ITA by moll.avi

L'Ispettore Wallander. L'Ispettore Wallander è una serie televisiva poliziesca inglese trasmessa dal 2008 e basata sui romanzi del...

Wallander_Titoli

In Italia la prima stagione è stata trasmessa su SKY Cinema 1 dal 14 al 28 giugno 2009, e in chiaro su Rai 3 dall'8 al 22 agosto 2011. La seconda stagione è stata invece trasmessa in chiaro da Rai 3 dal 29 agosto al 12 settembre. Entrambe le stagioni sono state replicate in chiaro da Rai Movie dal 17 dicembre al 22 dicembre 2012. Il 16 febbraio 2014 la serie completa è approdata su La Effe che ne ha trasmessa la terza stagione in 1ª TV esclusiva dal 30 marzo al 13 aprile 2014.

Il personaggio.

Kurt Wallander è un ispettore della polizia svedese, un esistenzialista alla continua ricerca di un senso per la vita e per ciò che fa ogni giorno, e per cui gli atti di violenza non sono mai normali. Nel suo lavoro è affiancato da Anne-Britt Hoglund, Kalle Svedberg e Magnus Martinsson.

Gli episodi de Il commissario Wallander vanno in onda dal 30 novembre 2008 sul canale inglese BBC One.

In Italia le prime due stagioni sono andate in onda in prima visione su SKY Cinema 1 dal 14 giugno 2009. La terza e la quarta stagione sono state trasmesse in prima visione su La Effe dal 30 marzo 2014.

Interpreti e personaggi.

Kenneth Branagh: Kurt Wallander
Sarah Smart: Anne-Britt Hoglund
Sadie Shimmin: Lisa Holgersson
Tom Beard: Kalle Svedberg
Tom Hiddleston: Magnus Martinsson
Richard McCabe: Sven Nyberg

Doppiatori e personaggi.

Marco Mete: Kurt Wallander
Barbara De Bortoli: Anne-Britt Hoglund
Antonella Giannini: Lisa Holgersson
Enrico Di Troia: Kalle Svedberg
David Chevalier: Magnus Martinsson
Enzo Avolio: Sven Nyberg

wallander-branagh

Stagione    Titolo originale    Titolo italiano    Prima TV UK    Prima TV Italia
1    Sidetracked    La falsa pista    30 novembre 2008    14 giugno 2009
Firewall    Muro di fuoco    7 dicembre 2008    21 giugno 2009
One Step Behind    Delitto di mezza estate    14 dicembre 2008    28 giugno 2009
2    Faceless Killers    Assassino senza volto    3 gennaio 2010    29 agosto 2011
The Man Who Smiled    L'uomo che sorrideva    10 gennaio 2010    5 settembre 2011
The Fifth Woman    La quinta donna    17 gennaio 2010    12 settembre 2011
3    An Event in Autumn    Un giorno d'autunno    8 luglio 2012    30 marzo 2014
The Dogs of Riga    I cani di Riga    15 luglio 2012    6 aprile 2014
Before the Frost    Prima del gelo    22 luglio 2012    13 aprile 2014
4    The White Lioness    La leonessa bianca    22 maggio 2016    6 settembre 2016
A Lesson in Love    Lezione d'amore    29 maggio 2016    13 settembre 2016
The Troubled Man    L'uomo inquieto    5 giugno 2016    20 settembre 2016

Prima stagione

Episodio 1

Durante il campionato mondiale di calcio, all'inizio dell'estate, un sadico serial killer si accanisce su alcuni uomini anziani e di successo, uccidendoli e prelevando loro lo scalpo con un'ascia. Nel mentre il commissario Kurt Wallander è alle prese con uno strano caso di una ragazza che inspiegabilmente si toglie la vita dandosi fuoco in un campo di colza. Indagando sulle due vicende, apparentemente prive di collegamento logico, Wallander giunge a scoprire un legame sinistro al racket della prostituzione ed alla tratta delle bianche.

Episodio 2

Il commissario Wallander è noto ormai in tutta la cittadina di Ystad, questa volta però si trova di fronte ad un caso in cui c'entra l'informatica, la cosa di cui ormai il mondo moderno non può fare a meno. Quale segreto si cela dietro questo caso?

Episodio 3

Tre ragazzi vengono uccisi in un bosco durante la festa del solstizio d'estate. Uno dei principali collaboratori di Wallander, l'ispettore Svedberg viene trovato morto. Wallander crede che tra i delitti ci sia un collegamento, successivamente scopre che Svedberg in segreto aveva condotto un'indagine sui tre ragazzi e nascosto del materiale tra cui una fotografia di donna. Che cosa unisce l'ispettore ucciso ai ragazzi e alla donna?

Seconda stagione

Episodio 1

A Lenarp, un villaggio nel sud della Svezia, un vecchio contadino di nome Nyström scopre che i suoi vicini di casa, Johannes e Maria Lövgren, sono stati barbaramente torturati; l'uomo è morto e la donna è in fin di vita. Maria è l'unica che potrebbe rivelare alla polizia cosa è accaduto, ma muore poco dopo all'ospedale di Ystad; in punto di morte l'agente Rydberg, che fino all'ultimo continua a farle delle domande nella speranza di saperne di più, la sente pronunciare il nome del marito e la parola "stranieri". Wallander tenterà di portare alla luce quindi i misteriosi assassini.

Episodio 2

Wallander si pone sulle tracce di un magnate della finanza svedese, Alfred Harderberg, che gestisce i suoi affari dall'inaccessibile castello di Farnholm, cliente facoltoso dello studio legale e ultimo ad incontrare in vita Gustaf Torstensson. Durante le indagini, la segretaria dello studio legale Torstensson è destinataria di una mina antiuomo trovata nel suo giardino e lo stesso Wallander, assieme alla nuova collega in forze alla polizia di Ystad, Ann-Britt Höglund, scampa per un soffio ad un attentato. Il commissario deve inoltre indagare anche sul presunto suicidio di Lars Borman, un revisore di conti che aveva inviato agli avvocati, prima di morire, delle lettere minatorie.

Episodio 3

In Algeria una turista svedese viene uccisa da alcuni fondamentalisti islamici assieme a quattro suore, ma la polizia locale decide di insabbiare la vicenda temendo ripercussioni. Poco dopo in Svezia viene ritrovato il cadavere di un anziano signore. Sembra essere caduto in una fatale trappola: il corpo, su cui hanno banchettato un branco di corvi, è infatti trapassato da canne di bambù. In seguito viene ritrovato il corpo di un fiorista strangolato e legato ad un albero nel bosco. Infine, il cadavere di un ricercatore universitario riemerge tra le acque di un lago, chiuso in un sacco. Il commissario Kurt Wallander inizierà così le indagini scoprendo che la tecnica utilizzata per gli omicidi riconduce ad un unico killer. Non emergono però né legami tra le vittime, né moventi degli omicidi. Assieme ad Ann-Britt Höglund, Wallander si troverà così costretto a districare una matassa il cui filo collega il passato di tutte le vittime.

Narcos è una serie televisiva statunitense creata da Chris Brancato, Carlo Bernard e Doug Miro per Netflix. Tutti i dieci episodi che comp...

Narcos è una serie televisiva statunitense creata da Chris Brancato, Carlo Bernard e Doug Miro per Netflix.

Tutti i dieci episodi che compongono la prima stagione sono stati resi disponibili sulla piattaforma di streaming Netflix dal 28 agosto 2015.

Poco dopo la serie è stata rinnovata per una seconda stagione, in onda dal 2 settembre 2016.

La serie è stata rinnovata per una terza stagione, che è stata mandata in onda il 1º settembre 2017,[3] e per una quarta stagione

Narcos
Trama
La serie racconta la storia vera della dilagante diffusione della cocaina tra Stati Uniti ed Europa negli anni ottanta. Le prime due stagioni sono incentrate sulla lotta delle autorità colombiane e della DEA contro il narcotrafficante Pablo Escobar e il cartello di Medellín.

La terza stagione è incentrata sulla lotta al cartello di Cali, guidato dai fratelli Gilberto e Miguel Rodríguez Orejuela.

La quarta stagione è ambientata in Messico e incentrata sull'origine del cartello di Guadalajara.

Personaggi e interpreti
Personaggi principali

Pablo Escobar (stagioni 1-2), interpretato da Wagner Moura
Steve Murphy (stagioni 1-2), interpretato da Boyd Holbrook, doppiato da Francesco Venditti
Javier Peña (stagione 1-in corso), interpretato da Pedro Pascal, doppiato da Riccardo Scarafoni
Connie Murphy (stagioni 1-2), interpretata da Joanna Christie, doppiata da Myriam Catania
Gustavo Gaviria (stagione 1, ospite stagione 2), interpretato da Juan Pablo Raba
Horacio Carrillo (stagione 1, ricorrente stagione 2), interpretato da Maurice Compte, doppiato da Fabrizio Vidale
Juan Diego "La Quica" Diaz (stagioni 1-2), interpretato da Diego Cataño
Roberto "Poison" Ramos (stagione 1), interpretato da Jorge A. Jimenez
Hermilda Gaviria (stagioni 1-2), interpretata da Paulina García
Tata Escobar (stagioni 1-2), interpretata da Paulina Gaitan
Valeria Vélez (stagione 1, ricorrente stagione 2), interpretata da Stephanie Sigman
César Gaviria (stagioni 1-2), interpretato da Raúl Méndez, doppiato da Edoardo Stoppacciaro
Eduardo Sandoval (stagioni 1-2), interpretato da Manolo Cardona, doppiato da Emiliano Coltorti
Fernando Duque (stagioni 1-2), interpretato da Bruno Bichir
Judy Moncada (ricorrente stagione 1, stagione 2), interpretata da Cristina Umaña
Helmer "Pacho" Herrera (ricorrente stagione 1, stagione 2-3), interpretato da Alberto Amman
Gilberto Rodríguez Orejuela (stagioni 2-3), interpretato da Damián Alcázar
Miguel Rodríguez Orejuela (stagioni 2-3), interpretato da Francisco Denis
Bill Stechner (stagione 2-in corso), interpretato da Eric Lange
Hugo Martínez (stagione 2, ricorrente stagione 3), interpretato da Juan Pablo Shuk
Chepe Santacruz Londoño (stagione 3), interpretato da Pêpê Rapazote
Jorge Salcedo (stagione 3), interpretato da Matias Varela
Guillermo Pallomari (stagione 3), interpretato da Javier Cámara
David Rodriguez (stagione 3), interpretato da Arturo Castro
Maria Salazar (stagione 3), interpretata da Andrea Londo
Christina Jurado (stagione 3), interpretata da Kerry Bishé
Chris Feistl (stagione 3-in corso), interpretato da Michael Stahl-David
Daniel Van Ness (stagione 3-in corso), interpretato da Matt Whelan
Amado Carrillo Fuentes (stagione 3-in corso), interpretato da José María Yazpik

Personaggi ricorrenti
Diego Murillo/Don Berna, interpretato da Mauricio Cujar
Elisa Alvaro, interpretata da Ana de la Reguera, doppiata da Ilaria Latini
Ivan "El Terrible" Torres, interpretato da Aldemar Correa
Ambasciatrice Noonan, interpretata da Danielle Kennedy, doppiata da Chiara Salerno
Alberto Suarez, interpretato da Julián Beltrán
Jorge Luis Ochoa, interpretato da André Mattos
Fabio Ochoa, interpretato da Roberto Urbina
Sure Shot, interpretato da Ariel Sierra
Marina Ochoa, interpretata da Laura Perico
Mayor Wysession, interpretato da Patrick St. Esprit, doppiato da Pasquale Anselmo
José Gonzalo Rodríguez Gacha, interpretato da Luis Guzmán
Agente CIA Owen, interpretato da Thaddeus Phillips
Carlos Lehder, interpretato da Juan Riedinger
Diana Turbay, interpretata da Gabriela de la Garza
Ana Gaviria, interpretata da Vera Mercado
La Cucaracha, interpretato da Luis Gnecco
The Lion, interpretato da Jon-Michael Ecker
Ufficiale CIA, interpretato da Richard T. Jones, doppiato da Alessio Cigliano
Colonnello Herrera, Agente DAS, interpretato da Adrián Jiménez
Barry Seal/Ellis McPickle, interpretato da Dylan Bruno
Luis Carlos Galán, interpretato da Juan Pablo Espinosa
Ministro Lara, interpretato da Adan Canto
Arthur Crosby, interpretato da Brett Cullen
Limón, interpretato da Leynar Gómez
Franklin Jurado, interpretato da Miguel Ángel Silvestre
Agente Duffy, interpretato da Shea Whigham
Agente Lopez, interpretato da Nicholas Gonzalez
Chucho Peña, interpretato da Edward James Olmos

La serie è contraddistinta anche dal fatto che è in buona parte recitata in spagnolo, sottotitolato durante la trasmissione, per mantenere la veridicità dell'ambientazione.


Nel 2016 la serie è stata nominata ai Golden Globe nelle categorie miglior serie drammatica e miglior attore in una serie drammatica (Wagner Moura).

Victor-Marie Hugo (Besançon, 26 febbraio 1802 – Parigi, 22 maggio 1885) è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo e politico francese, consi...

Victor_Hugo

I suoi scritti giunsero a ricoprire tutti i generi letterari, dalla poesia lirica al dramma, dalla satira politica al romanzo storico e sociale, suscitando consensi in tutta Europa.

Victor Hugo ha scritto nove romanzi. Essi coprono l'intero arco della sua vita, dal primo, Bug-Jargal, scritto quando aveva sedici anni, all'ultimo, Novantatré. I suoi romanzi toccano inoltre tutti i generi letterari, senza che sia possibile dare di essi una definizione univoca.

I primi romanzi nascono negli anni del grande successo di Walter Scott; ma nonostante che l'ispirazione primaria sia quella del romanzo storico, Hugo non perde mai una certa indipendenza e relatività: in lui, l'attualità fa sempre capolino dietro la storia. Così è in Han d'Islanda (1823) e in Bug-Jargal (1826); così è soprattutto per il suo primo grande capolavoro, Notre-Dame de Paris, del 1831, affresco della Parigi medievale e della sua cattedrale gotica, che riprende dai drammi degli stessi anni la tendenza alla mescolanza degli stili, dei registri, alla compenetrazione di sublime e grottesco, in particolare nel personaggio di Quasimodo.

L'attenzione ai problemi dell'attualità sociale prende corpo in appassionate lotte contro l'ingiustizia e l'oscurantismo: L'ultimo giorno di un condannato a morte (1829) e Claude Gueux (1834) sono allo stesso tempo romanzi storici e sociali impegnati in una lotta — l'abolizione della pena di morte — che supera i limiti della finzione. Così è anche per I miserabili (1862), che esce in pieno periodo realista ma che da esso riprende pochi elementi: quest'immenso successo popolare oscilla tra tutti i generi, dal melodramma al didattico.

Con I lavoratori del mare (1866) e L'uomo che ride (1869), l'autore si riavvicina all'estetica romantica dei primi scritti, dominata da personaggi deformi, mostruosi, e da una natura spaventosa. Più vicino alla storia è invece l'ultimo romanzo, Novantatré (1874), che mette in scena un tema molto caro all'autore: il ruolo fondante della Rivoluzione francese nella coscienza letteraria, politica, sociale e morale del XIX secolo.

Caratteristica portante di tutti i romanzi di Hugo — come in generale di quasi tutta la sua produzione — è di non fermarsi mai alla semplice piacevolezza: essi sono sempre al servizio di un'idea. Questo dà conto delle numerose e spesso lunghe digressioni che interrompono la narrazione, come quelle sulla miseria materiale e morale ne I miserabili. Ad avvicinarli ai drammi sono invece lo scontro costante dei protagonisti con l'esterno, con un'implacabile fatalità che talvolta deriva dalla società, talvolta dalla storia, talvolta anche dalla natura: ne deriva un avvicinamento al sublime, all'epopea di una lotta titanica e tragicamente destinata a fallire. Ma l'autore sa essere vicino anche alla vita povera e quotidiana degli umili, senza mai sconfinare in un asciutto realismo.

Sono quasi un centinaio gli adattamenti per il cinema, dei quali più di quaranta sono tratti da I miserabili (vedi), seguito da vicino da Notre-Dame de Paris (vedi). Questi film sono una delle prove più lampanti dell'universalità di Victor Hugo, adattato in numerosi paesi: Stati Uniti d'America (Don Caesar de Bazan, tratto da Ruy Blas, 1915), Inghilterra, India (Badshah Dampati, tratto da Notre-Dame de Paris, 1953), Giappone (Re Mizeraburu: Kami To Akuma, I miserabili trasposto in un'ambientazione giapponese, 1950), Egitto (Al Bo'asa, sempre da I miserabili, 1978), Italia (L'uomo che ride, da L'uomo che ride, 1966), Francia ecc.

Già nei primi anni del Novecento appaiono sullo schermo versioni cinematografiche tratti dai suoi romanzi: nel 1909, David Wark Griffith firma la regia e la sceneggiatura di A Fool's Revenge, adattamento di Il re si diverte.

Il_gobbo_di_Notre_Dame_(1996)

Hugo è stato adattato anche in cartoni animati, come ne Il gobbo di Notre-Dame della Disney, 1996, o I miserabili, film d'animazione giapponese del 1979.

A questi si aggiungono i film ispirati alla vita dello scrittore, dei quali Adèle H., una storia d'amore di François Truffaut è uno dei più noti.

Non bisogna dimenticare, nella vasta produzione di Victor Hugo, i suoi disegni: egli è un autodidatta e non esita a sperimentare nuove tecniche e nuovi ingredienti, dall'inchiostro al caffè, al carbone, usando anche fiammiferi e piume al posto dei pennelli.

Generalmente le sue opere sono di media taglia e servono nella maggior parte dei casi a illustrare i suoi scritti, oppure come regali da inviare agli amici in ricorrenze speciali. Quest'arte è per lui principalmente un passatempo.

Inizialmente i suoi lavori sono nettamente realistici, salvo poi acquisire una dimensione più fantastica con l'esilio e il suo confronto "mistico" con il mare. Questa sua tendenza gli varrà molte lodi: Charles Baudelaire ebbe a dire: « Non ho trovato presso gli espositori del Salone la magnifica immaginazione che cola dai disegni di Victor Hugo come il mistero dal cielo. Parlo dei suoi disegni a china, perché è fin troppo evidente che, in poesia, il nostro poeta è il re dei paesaggisti. »

Opere.
Victor Hugo fu uno scrittore instancabile; la sua opera comprende soprattutto componimenti poetici, drammi, romanzi, oltre a testi di carattere letterario, politico o filosofico, e a un consistente epistolario. È autore anche di numerosi disegni e di alcuni dipinti. Le opere di Hugo furono illustrate da diversi incisori, fra i quali spicca per efficacia François Chifflart.

(FR)
« L'ensemble de mon œuvre fera un jour un tout indivisible. […] Un livre multiple résumant un siècle, voilà ce que je laisserai derrière moi. »

(IT)
« L'insieme della mia opera un giorno sarà come un tutto indivisibile. […] Un libro molteplice che sintetizzi un secolo, ecco quello che lascerò dietro di me. »

(Lettera del 9 dicembre 1859)


Lista delle opere in ordine cronologico:

Odi e poesie diverse (Odes et poésies diverses, poesia, 1822)
Han d'Islanda (Han d'Islande, romanzo, 1823)
Nuove odi (Nouvelles Odes, poesia, 1824)
Bug-Jargal (romanzo, 1826)
Odi e ballate (Odes et ballades, poesia, 1826)
Cromwell (dramma, 1827)
Le orientali (Les Orientales, poesia, 1829)
L'ultimo giorno di un condannato a morte (Le Dernier Jour d'un condamné, romanzo, 1829)
Hernani (dramma, 1830)
Notre-Dame de Paris (romanzo, 1831)

Notre-DamedeParis-copertinaNotre-Dame de Paris è uno dei romanzi a sfondo storico più famosi di Victor Hugo.

Pubblicato nel 1831, all'età di 29 anni, fu il primo grande successo dello scrittore francese.

Venne infatti immediatamente accolto con amplissimo successo, superando senza problemi le possibili censure del tempo.

Il successo del romanzo all’epoca fu enorme, consacrando Hugo come uno dei più grandi scrittori romantici dell’Ottocento (dopo le opere teatrali del Cromwell del 1827 e dell’Hernani del 1830) e imponendosi nell’immaginario collettivo per la monumentale ricostruzione di Parigi (come poi sarà per la Parigi primo-ottocentesca de I Miserabili) e della sua cattedrale.


Marion Delorme (dramma, 1831)
Le foglie d'autunno (Les Feuilles d'automne, poesia, 1831)
Il re si diverte (Le Roi s'amuse, dramma, 1832)
Lucrezia Borgia (Lucrèce Borgia, dramma, 1833)
Maria Tudor (Marie Tudor, dramma, 1833)
Letteratura e filosofia insieme (Littérature et philosophie mêlées, 1834)
Claude Gueux (romanzo, 1834)
Studio su Mirabeau (Etude sur Mirabeau, saggio, 1834)
Angelo, tiranno di Padova (Angelo, tyran de Padoue, dramma, 1835)
I canti del crepuscolo (Les Chants du crépuscule, poesia, 1835)
Le voci interiori (Les Voix intérieures, poesia, 1837)
Ruy Blas (dramma, 1838)
I raggi e le ombre (Les Rayons et les ombres, poesia, 1840)
Il Reno (Le Rhin, 1842)
I Burgravi (Les Burgraves, dramma, 1843)
Napoleone il Piccolo (Napoléon le Petit, poesia, 1852)
I castighi (Les Châtiments, poesia, 1853)
Lettere a Luigi Bonaparte (Lettres à Louis Bonaparte, lettere, 1855)
Le contemplazioni (Les Contemplations, poesia, 1856)
La leggenda dei secoli (La Légende des siècles, poesia, 1859)
I miserabili (Les Misérables, romanzo, 1862)
William Shakespeare (saggio, 1864)
Canzoni delle strade e dei boschi (Les Chansons des rues et des bois, poesia, 1865)
I lavoratori del mare (Les Travailleurs de la mer, romanzo, 1866)
Parigi-guida (Paris-Guide, 1867)
L'uomo che ride (L'Homme qui rit, romanzo, 1869)
L'anno terribile (L'Année terrible, poesia, 1872)
Novantatré (Quatrevingt-treize, romanzo, 1874)
I miei figli (Mes Fils, 1874)
Atti e parole - Prima dell'esilio (Actes et paroles - Avant l'exil, articoli e discorsi, 1875)
Atti e parole - Durante l'esilio (Actes et paroles - Pendant l'exil, articoli e discorsi, 1875)
Atti e parole - Dopo l'esilio (Actes et paroles - Depuis l'exil, articoli e discorsi, 1876)
La leggenda dei secoli - 2ª serie (La Légende des siècles - 2e série, poesia, 1877)
L'arte di essere nonno (L'Art d'être grand-père, poesia, 1877)
Storia di un crimine - 1ª parte (Histoire d'un crime - 1re partie, romanzo, 1877)
Storia di un crimine - 2ª parte (Histoire d'un crime - 2e partie, romanzo, 1878)
Il Papa (Le Pape, poesia, 1878)
La pietà suprema (La Pitié suprême, poesia, 1879)
Religione e religioni (Religions et religion, poesia, 1880)
L'asino (L'Ane, poesia, 1880)
I quattro venti dello spirito (Les Quatres Vents de l'esprit, poesia, 1881)
Torquemada (dramma, 1882)
La leggenda dei secoli - 3ª serie (La Légende des siècles - 3e série, poesia, 1883)
L'arcipelago della Manica (L'Archipel de la Manche, 1883)
Opere postume
Teatro in libertà (Théâtre en liberté, drammi, 1886)
La fine di Satana (La Fin de Satan, poesia, 1886)
Cose viste - 1ª serie (Choses vues - 1re série, memorie e commentari, 1887, titolo non di Hugo)
Tutta la lira (Toute la Lyre, poesia, 1888)
Alpi e Pirenei (Alpes et Pyrénées, quaderno di viaggio, 1890)
Dio (Dieu, poesia, 1891)
Francia e Belgio (France et Belgique, quaderno di viaggio, 1892)
Tutta la lira - nuova serie (Toute la Lyre - nouvelle série, poesia, 1893)
Epistolario - Tomo I (Correspondances - Tome I, lettere, 1896)
Epistolario - Tomo II (Correspondances - Tome II, lettere, 1898)
Gli anni funesti (Les Années funestes, poesia, 1898)
Cose viste - 2ª serie (Choses vues - 2e série, memorie e commentari, 1900, titolo non di Hugo)
Poscritto della mia vita (Post-scriptum de ma vie, saggi filosofici, 1901)
Ultimo fascio (Dernière Gerbe, poesia, 1902, titolo non di Hugo)
Mille franchi di ricompensa (Mille Francs de récompense, dramma, 1934)
Oceano. Ammasso di pietre (Océan. Tas de pierres, poesia, 1942)
Pietre (Pierres, 1951)

Notre-Dame de Paris è uno dei romanzi a sfondo storico più famosi di Victor Hugo . Pubblicato nel 1831, all'età di 29 anni, fu il primo...

Notre-DamedeParis-copertina

Trama.
Parigi, 6 gennaio 1482. Un gruppo di zingari spagnoli, del quale fa parte Esmeralda, si è stabilito nella periferia della città, occupando un territorio preciso chiamato Corte dei Miracoli per celebrare in piazza la Festa dei Folli, in occasione dell'Epifania. I gitani incantano la popolazione del luogo con trucchi e magie cercando contemporaneamente di guadagnarsi da vivere, spesso derubando o raggirando la gente, a volte anche uccidendola, tranne la bella e dolce zingara Esmeralda. Tutta la tribù zingaresca dei gitani è capitanata dal crudele Clopin Trouillefou, un mendicante scaltro e carismatico che è anche un assassino.

Intanto, per svegliare la gente all'alba, le campane vengono suonate da Quasimodo, un giovane uomo deforme e di mostruosa bruttezza che lavora come campanaro della cattedrale di Notre Dame. Nonostante tutti provino disgusto e paura nei suoi confronti, Quasimodo, più comunemente detto Il gobbo di Notre Dame, è di animo buono, anche se non lo manifesta. Trascorre le giornate appollaiato sui gargouilles (ossia gargolle) e sulle guglie: è triste per il fatto di essere diventato sordo a causa della continua esposizione al suono delle campane. La sua sordità e l'assenza di persone con cui parlare lo rendono anche muto. Solamente il suo padrone, l'arcidiacono della cattedrale chiamato Mons. Frollo, comunica con lui tramite un linguaggio a gesti. Frollo, come aveva allevato da solo il fratello Jean, aveva adottato e salvato Quasimodo quando da bambino, abbandonato dai genitori zingari per il suo aspetto deforme, era stato portato in chiesa fra i trovatelli per essere venduto o, nel peggiore dei casi, ucciso.

Frollo, dedicandosi anche all'alchimia e disinteressato dal fratello Jean diventato come uno zingaro, si innamora però di Esmeralda, che è solita danzare tra le vie di Parigi, in particolare davanti alla grande cattedrale, con la capretta Djali. A causa della sua posizione religiosa e dei suoi princìpi morali che lo portano a detestare profondamente tutti i gitani, Frollo, essendo un membro del clero, non può manifestare i suoi sentimenti e, per questo motivo, decide di rapire la fanciulla con l'aiuto di Quasimodo. I suoi piani tuttavia vanno a monte perché Phoebus de Chateaupers, il capitano delle guardie di Parigi, li coglie sul misfatto, salvando così la ragazza da Frollo. Quest'ultima si innamora perdutamente del suo salvatore. Intanto Gringoire, il poeta politico, finisce nella corte dei miracoli, seguendo Esmeralda e sta per essere impiccato dagli zingari, ma Esmeralda lo reclama come sposo, salvandolo, pur rifiutando di amarlo. Quasimodo viene nel frattempo fustigato per il rapimento di Esmeralda, la quale è l'unica che provi pietà per lui e che lo disseti durante l'esecuzione. Quasimodo la ama perdutamente.

In seguito alla cattura della piccola zingara, il capitano Phoebus la nota fra canti e balli gitani nelle piazze di Parigi e riesce a strapparle un incontro mattutino. Phoebus, che appariva dapprima eroico e buono, si rivela semplicemente un uomo in cerca di cattiva compagnia e privo di sentimenti. Dà infatti appuntamento alla ragazza in una squallida camera affittata da decimi. Esmeralda, dapprima insicura ma temeraria, credendolo innamorato di lei, sta per cedere al volere dell'uomo per l'incertezza di averlo.

In quel momento però entra in scena Frollo, che si era prima inoltrato nella stanza con Phoebus stesso, dopo averlo pregato di poter assistere al suo incontro con la ragazza. L'Arcidiacono, nascosto dentro l'armadio, non riesce a trattenere la sua immensa gelosia dovuta al suo amore per la zingara che non lo aveva ricambiato, esce all'improvviso dal suo nascondiglio pugnalando alle spalle il capitano e scappa dalla finestra lasciando la giovane da sola con il corpo privo di sensi di Phoebus.

frollo

In una situazione del genere la colpa va certo alla ragazza che viene definita un'assassina. A questa accusa si aggiunge quella di stregoneria dovuta alla testimonianza della padrona dell'alberghetto in cui si era svolta la vicenda, che afferma di aver visto entrare tre persone in quella stanza e non due. Lo scomparso, in realtà Frollo, dato anche il suo aspetto molto sinistro, viene creduto il demonio e lei la sua aiutante, ma poiché Frollo non era stato scoperto, come arcidiacono, testimonia al processo religioso contro di lei e solo lei viene incolpata.

La zingara viene imprigionata, ma al processo, convinta che il suo Phoebus sia morto, non dice niente se non qualche vaneggiamento sul suo profondo amore per il cavaliere. Si arriva dunque al punto della tortura e qui Esmeralda, in preda alla disperazione, confessa di aver assassinato l'uomo e di aver aiutato il demonio, anche se sa di aver mentito.

Nelle segrete della prigione Frollo la va a trovare offrendole un accordo: se Esmeralda gli si concederà in amore egli le salverà la vita. Esmeralda, apprendendo che è Frollo ad aver tentato di uccidere Phoebus, rifiuta sdegnata. Viene condannata all'impiccagione. Tuttavia, quando la processione che dovrebbe portarla alla forca passa davanti alla cattedrale di Notre Dame, Quasimodo la rapisce e la porta in chiesa dove può godere del diritto d'asilo. Col tempo Esmeralda capisce che Quasimodo è buono e i due iniziano a fare amicizia, inoltre Quasimodo la salva da un assalto di Frollo.

Esmerelda_from_Hunchback_of_Notre_Dame

Ma, dopo alcuni giorni, davanti alla chiesa si raduna la grande folla di zingari con Clopin che chiede la grazia per la zingara, tentando di sfondare la porta. Tuttavia sia Quasimodo che il re Luigi XI fraintendono le richieste della folla. Quasimodo, infatti, credendo Esmeralda in pericolo, lancia pietre e piombo fuso sulla folla zingaresca dimostrante e Jean, il fratello di Frollo, viene ucciso dal gobbo, mentre il re, informato da Frollo e Gringoire e credendolo un assalto alla cattedrale sacra, invia i gendarmi per sedare la rivolta e giustiziare la "strega" Esmeralda. I soldati lanciano una pioggia di frecce contro gli zingari, sterminandoli in massa. Clopin rimane ucciso e i gitani rimasti fuggono. Nella confusione Frollo, senza svelare la sua identità, fa uscire la zingara da una porta sul retro e la fa navigare lungo la Senna. Lì si svela e le rinnova le sue profferte. Esmeralda rifiuta ancora e Frollo furioso avverte i gendarmi, mentre Pierre trae in salvo la capretta Djali.

Nella fuga Esmeralda, mantenuta la sua purezza, ritrova, nella sua cella della Tour Rouland, sua madre, un'ex prostituta reclusa, che tanto la odiava quando la vedeva danzare: ella odiava gli zingari in quanto le avevano rapito anni addietro la sua bambina, non sapendo che la bella danzatrice era proprio la sua figlia perduta, che riconosce solo in quel momento per una scarpetta da neonato, di cui essa ne conservava una uguale. Da questa inaspettata scoperta tenta di proteggerla dal suo tragico destino, ma invano.

Gringoire_MatteoSetti

Esmeralda, infatti, viene condannata e muore impiccata: la madre tenta di impedirlo, ma muore anche lei. Frollo assiste all'esecuzione da una delle torri della cattedrale provando un piacere sadico. Quasimodo, innamorato di Esmeralda ed in preda alla disperazione ed alla rabbia, riconosce la risata sadica del corrotto e colpevole Frollo e lo scaraventa giù dalla cattedrale, uccidendolo. Phoebus, guarito dalla ferita di Frollo, totalmente indifferente alla vicenda e senza alcun senso di colpa, si sposa con Fleur-de-Lys, una ricca ragazza di città. Il re, nel frattempo, muore di morte naturale.

Il cadavere di Esmeralda, in seguito all'impiccagione, viene portato in una sorta di cimitero nelle catacombe aperte e Quasimodo, innamorato, si addormenta vicino al suo cadavere e vi rimane senza muoversi, finché non muore anche lui, stando insieme a lei nell'aldilà. La scena, denominata significativamente Il matrimonio di Quasimodo, è forte e ci viene presentata con queste parole dall'autore:

« Trovarono, fra tutte quelle orribili carcasse, due scheletri, uno dei quali abbracciava singolarmente l'altro. Uno di quegli scheletri, che era quello di una donna, era ancora coperto di qualche lembo di una veste di una stoffa che era stata bianca, ed era visibile attorno al suo collo una collana di adrézarach con un sacchettino di seta, ornato da perline verdi, che era aperto e vuoto. Quegli oggetti erano di così poco valore che di certo il boia non li aveva voluti. L'altro, abbracciava stretto questo, era lo scheletro di un uomo. Notarono che aveva la colonna vertebrale deviata, la testa incassata tra le scapole e una gamba più corta dell'altra. D'altronde non aveva alcuna vertebra cervicale rotta ed era evidente che non fosse stato impiccato. L'uomo al quale era appartenuto era quindi giunto lì, e lì era morto. Quando fecero per staccarlo dallo scheletro che abbracciava, cadde in polvere. »

Quasimodo

Greg Iles Greg Iles (Stoccarda, 1960) è uno scrittore statunitense. Per molti anni ha fatto parte di una band musicale...

Greg Iles
Greg Iles (Stoccarda, 1960) è uno scrittore statunitense.
Per molti anni ha fatto parte di una band musicale, i "Frankly Scarlet", finché non decise di rinunciarvi per stare più vicino alla propria famiglia. Decide così di dedicarsi alla scrittura.

Nel 1992 pubblica il suo primo romanzo, Spandau Phoenix, un thriller sul criminale nazista Rudolf Hess.











































































































































































































































































































































































































Random Posts

Archivio

follow us in feedly Segnala Feed WebShake – spettacolo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Aggregatore di blog FeedelissimoItalian Bloggers Blog ItalianiAggregatore My Ping in TotalPing.com
 
-->